Guide

Ristoranti

Eventi

SERVIZI

A Milano i Musical Awards: madrine Lorella Cuccarini e Whoopi Goldberg
Martina
26 Ottobre 2021

Milano: a giugno 2022 sono attesi in città i primi Musical Awards, premi internazionali del teatro musicale;
il cui simbolo sarà la Guglia d’Oro, a evocare il Duomo.

Il Festival Internazionale del Musical è una celebrazione globale che ha lo scopo di mostrare la creatività degli artisti e delle produzioni di teatro musicale contemporaneo di tutto il mondo.

La città meneghina ospiterà un premio in un genere che produce nel mondo, soprattutto tra Broadway e Est End londinese, miliardi di euro e milioni di spettatori.
Nella cornice del Festival Internazionale del Musical, la cui prima edizione “pilota” è attesa al Teatro Lirico, ogni anno si voteranno e premieranno le eccellenze delle produzioni di musical in oltre quaranta paesi.

Quando sarà?

Il via, nella prossima estate, con il solo Premio alla carriera, per gli altri premi si attende la piena ripartenza post-pandemia del musical in tutto il mondo, dunque dal 2023.

A Palazzo Reale è stato presentato il Festival, diretto da Diego Montrone, che ha sbandierato testimonial d’eccezione: in messaggio video la diva hollywoodiana Whoopie Goldberg.
Invece a Milano, accanto alla newyorchese Simone Genatt fondatrice del Broadway International Group e alla perfomer Arianna Bergamaschi (protagonista de La Bella e la Bestia), c’era Lorella Cuccarini, pioniera del musical italiano con il celebre Grease del 1997 e parte dell’advisory board:

“Spero che l’ambizioso progetto di questo festival accenda i fari anche sui nostri giovani perfomer italiani.
Da anni il musical attira un pubblico eterogeneo, e conquista al teatro spettatori che in teatro abitualmente non vanno.
Venticinque anni fa il nostro Grease fu una scommessa, e partì proprio da Milano, dal Teatro Nuovo. I numeri hanno detto quanto quella scommessa fosse azzeccata”.

Le nominations

Le nominations agli Awards del Festival di Milano, nelle varie categorie, saranno proposte agli organizzatori del Festival da: i giornalisti e critici teatrali locali negli oltre 40 Paesi coinvolti, dal Creative Advisory Board, dalle associazioni teatrali e dai produttori.

Il Festival internazionale del Musical di Milano ha ricevuto il sostegno del Ministero della Cultura Italiano, della Regione Lombardia e della Città di Milano.
Il Festival è sostenuto da Broadway e dal West End di Londra, così come dai principali operatori del teatro musicale e dagli artisti di tutto il mondo, dall’Europa all’Asia all’America Latina.

I ringraziamenti

Attilio Fontana, Presidente della Regione Lombardia, ha espresso il suo entusiasmo:

“Non vediamo l’ora di accogliere in Lombardia i più grandi talenti artistici e appassionati del teatro musicale.
Ospiteremo questo Festival in alcune delle zone più belle del nostro Paese, in sedi in città come Milano, Mantova, Cremona, Bergamo e Como”.

Giuseppe Sala, sindaco di Milano, ha aggiunto:

“Milano è la sede naturale di tutte le espressioni di creatività e bellezza.
Auguriamo a questa squadra tutto il meglio per questa prima edizione del Festival Internazionale del Teatro Musicale e ci vediamo a Milano nel 2022”.

Le guide cool più recenti

MILANO SOSTENIBILE: TRA INQUINAMENTO E INIZIATIVE ECO

MILANO SOSTENIBILE: TRA INQUINAMENTO E INIZIATIVE ECO

Un clima sempre più imprevedibile, un calore anomalo e una qualità dell'aria bassissima. Sembrano essere questi gli elementi che caratterizzano Milano ultimamente. La città, che è anche nota come la capitale della moda o degli affari, affronta ogni giorno sfide...

PORTA VENEZIA: UN QUARTIERE INTERNAZIONALE A MILANO

PORTA VENEZIA: UN QUARTIERE INTERNAZIONALE A MILANO

Amici di Cool in Milan, se dovessimo eleggere un quartiere per il suo modo di includere altre culture nella propria sicuramente Porta Venezia avrebbe tutte le carte in regola per vincere. Pensate che questo quartiere storico è stato nominato nella top 40 dei quartieri...

MILANO SEGRETA: QUELLO CHE NON TROVI NELLE GUIDE

MILANO SEGRETA: QUELLO CHE NON TROVI NELLE GUIDE

Milano, oltre ad essere famosa per la sua moda innovativa, la cucina ottima e la vivacità culturale, nasconde moltissime curiosità. Alcune sono davvero particolari e meritano di essere messe in evidenza. Dai segreti misteriosi nelle sue fondamenta alle tradizioni...