Bergamo, Progetto Rinascimento: 30 mln per micro imprenditori e sostenibilità

“Da città simbolo di una tragedia che ha colpito il Paese, Bergamo deve essere anche simbolo di una rinascita”: così il sindaco Giorgio Gori ha annunciato un importante progetto per la sua città che attraverso un accordo tra comune e Intesa San Paolo vede lo stanziamento di 30 milioni di euro per le micro imprese delle città. Si tratta di un progetto ambizioso dal nome “Programma Rinascimento” che per la prima volta fonde pubblico e privato a supporto dei cittadini.

Il Comune di Bergamo e Intesa Sanpaolo, al fine di sostenere un territorio particolarmente colpito dalla diffusione del Coronavirus Covid 19, lanciano il “Programma Rinascimento”. L’operazione, il cui valore complessivo è pari a 30 milioni di euro messi a disposizione dalla Banca, è stata presentata oggi dal Sindaco della città, Giorgio Gori, e dal Consigliere Delegato e CEO di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina. Il “Programma Rinascimento” andrà a supportare le micro e piccole attività d’impresa, i piccoli esercizi commerciali e artigianali di Bergamo, per sostenere, in questa fase di ripartenza, le attività in difficoltà che non usufruiscono di interventi o agevolazioni da parte delle istituzioni centrali o regionali. Il Programma intende rappresentare un concreto strumento di sostegno del tessuto produttivo urbano e di quartiere di Bergamo, per aiutare le imprese ad affrontare le spese sostenute durante lockdown e gli investimenti necessari alla ripartenza, ma ha anche la finalità di incentivare interventi di mobilità sostenibile nell’ambito degli spostamenti casa-lavoro.

Pasquale Marcone