Il governatore della Lombardia Attilio Fontana ha voluto ricevere ieri una delegazione dell’organizzazione non governativa statunitense Samaritan’s Purse prima del loro ritorno a casa. Dalla scorsa settimana nell’ospedale da campo allestito in tempi record a Cremona per aiutare medici e infermieri ad affrontare una pressione senza eguali a causa dell’emergenza coronavirus non c’è più nessuno.

“Un ringraziamento, il nostro – conclude il presidente Fontana, che ha consegnato a ogni componente della delegazione un volume dedicato alla Lombardia – che vuole rappresentare anche la soddisfazione riconosciuta sia da parte del personale medico di Cremona, che ha sottolineato l’altissima professionalità e preparazione del team medico, sia da parte della popolazione che non ha perso occasione per manifestare la propria gratitudine anche con gesti semplici quotidiani”.

Il governatore ha anche consegnato una lettera di ringraziamento destinata al presidente della Samaritan’s Purse, Bev Kauffeldt.

L’ultimo paziente è uscito, ballando per la gioia, assieme ai volontari dell’associazione cristiana evangelica che si sono presi cura di lui e di altri 250 pazienti transitati dall’ospedale da campo.

Grazie alla struttura sono stati messi a disposizione di Cremona e di tutta la Lombardia altri 68 posti letto, tra terapia intensiva e pre-intensiva.

Pasquale Marcone