fbpx
Dimissioni Giuseppe Conte

Dimissioni Conte: tra poco il Premier si recherà da Mattarella

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Dimissioni di Conte oggi al Quirinale di fronte al capo dello Stato

 

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, è arrivato a Palazzo Chigi per il Consiglio dei Ministri convocato alle ore 9. Il presidente del Consiglio comunicherà alla squadra di governo la volontà di recarsi al Quirinale per rassegnare le dimissioni. A seguire, il presidente Conte si recherà dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Neanche una settimana dopo aver ottenuto la fiducia delle Camere, Giuseppe Conte oggi sale al Colle per dimettersi da presidente del Consiglio.

La maggioranza non è riuscita a ricucire lo strappo voluto da Matteo Renzi e l’appello ai responsabili fatto in Parlamento dal premier, meno di sette giorni fa, non ha portato ai risultati sperati.

Ad accelerare le cose è stato il voto sulla relazione del ministro della Giustizia in programma per giovedì prossimo: se sulla fiducia l’esecutivo giallorosso poteva contare almeno sulla maggioranza relativa, sull’operato di Alfonso Bonafede molto probabilmente non avrebbe avuto i numeri sufficienti.

Da lì la decisione del premier di dimettersi per permettere la nascita di un Conte ter. Prima però, dovrà passare dalle consultazioni e dimostrare che i cosiddetti responsabili sono pronti a farsi avanti.

Oggi il presidente del Consiglio, al termine del consiglio dei ministri, salirà al Colle e ufficializzerà il suo passo indietro. A quel punto il capo dello Stato, preso atto delle sue dimissioni, deciderà se affidare il mandato esplorativo a una figura istituzionale che capisca se ci sono i numeri sufficienti per un nuovo governo Conte o affidare direttamente il mandato al premier uscente. Secondo le ultime indiscrezioni, Mattarella dovrebbe optare per la prima opzione.

Se risultasse impossibile la permanenza a palazzo Chigi dell’attuale inquilino, è chiaro che si aprirebbero gli altri scenari: dal cambio di premier esterno all’attuale coalizione; alla creazione di un governo sostenuto dalla cosiddetta ‘maggioranza Ursula; ad un esecutivo di larghe intese o di unità nazionale.

Domani pomeriggio il presidente della Repubblica aprirà le consultazioni

Tutte ipotesi che naturalmente restano tali fin quando Mattarella non sarà in possesso di ogni elemento che gli consenta di capire se esistano gli spazi per risolvere la crisi o se invece lo scioglimento anticipato delle Camere e le elezioni risultino inevitabili.

Dimissioni Giuseppe Conte
Dimissioni Giuseppe Conte
Condividi su facebook
condividi
Condividi su linkedin
condividi
logo cool in milan
Scarica l' App

CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan

LEGGI ANCHE: