Il governatore Fontana sconsiglia di effettuare i test sierologici, che ormai sono stati ammessi in Lombardia.

Il governatore lombardo lo esplicita nel corso di un’intervista rilasciata ad Italpress: «Come chiarito dal Ministero della Salute, i test sierologici sono utili per indagini epidemiologiche che ci consentono di verificare quanto ha circolato il virus in una zona specifica o dentro una comunità, residenze per anziani, ospedali.

Allo stesso tempo ha precisato che questi non hanno nessuna valenza ai fini diagnostici, per i quali l’unico strumento efficace resta il tampone. Noi pertanto sconsigliamo al singolo di effettuarlo, perché se dovesse risultare positivo agli anticorpi dovrebbe comunque sottoporsi al tampone».

Il governatore della Lombardia aggiunge poi però: «Non potendo impedire ai laboratori privati di effettuarli e anche per regolamentare una situazione che si stava già verificando sul territorio,abbiamo concesso l’autorizzazione, con la condizione che il laboratorio offra però anche la possibilità di effettuare il tampone, qualora il soggetto risultasse positivo agli anticorpi.

Se anche il tampone dovesse risultare positivo, provvederemo a rimborsare la tariffa pagata per la prestazione».

Pasquale Marcone