fbpx
palazzi gemelli diversi milano

I primi due grattacieli di Milano: i “Gemelli diversi” in Piazza Piemonte.

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

I primi due grattacieli di Milano:

i Grattacieli Gemelli diversi di Piazza Piemonte a Milano.

Grattacieli Gemelli diversi

Per chi di voi non lo sapesse, Milano accoglie una coppia-che-scoppia: i “Gemelli diversi”, primi grattacieli costruiti in città, risalenti al 1923. L’architetto che li prese in carico fu Mario Borgato, storico visionario, che diede vita ad una rivoluzione architettonica per la città, portando a Milano una novità di origine statunitense. Infatti, in Italia non era ancora diffusa la concezione dello “skyscraper”. Mentre nel mondo, soprattutto a Chicago, si mossero i primi passi con la costruzione dell’Home Insurance Building, primo grattacielo della storia. 

Oggi la definizione di “Grattacielo” è cambiata rispetto al passato. Infatti, una costruzione si considera “Grattacielo” solo se alta più di 100 metri. I “Gemelli diversi” allora non dovrebbero essere considerati tali, poiché sfiorano i 40 metri di altezza. Cosa li rende, allora, così “Grattacieleschi”? Che all’epoca furono davvero un record, tanto che per poterli costruire fu concessa una deroga al piano urbanistico in vigore, che vietava gli edifici al di sopra dei 28m.

 Grattacieli Gemelli diversi di Piazza Piemonte a Milano
Grattacieli Gemelli diversi di Piazza Piemonte a Milano

Grattacieli Gemelli diversi

I “Gemelli diversi” rappresentano, per Milano, l’antagonismo con lo stile architettonico contemporaneo (vedi Torre Unicredit). In particolare, sono la rappresentazione di uno stile decò, elegante, sobrio e raffinato, che riesce ad attirare l’attenzione dei passanti senza bisogno di eccessi o esagerazioni.

Infine, è importante ricordare che i due grattacieli sono simili ma non identici: presentano due cupole sommitali differenti e anche le colorazioni si distinguono facilmente come due gemelli con occhi diversi. Uno ha la sommità marrone e l’altro invece verde.

La cura dei dettagli messa nella progettazione delle linee di questi due edifici lascia senza parole e racchiude un modo di vedere il mondo che un po’ sta svanendo e che dovremmo, forse, recuperare: essere anziché apparire.

Fonte: Milano Città Stato

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
condividi
Condividi su linkedin
condividi
logo cool in milan
Scarica l' App

CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan

LEGGI ANCHE: