All’Arco della Pace, una delle zone “tradizionali” dell’aperitivo milanese, la guardia di finanza ha effettuato controlli sul rispetto delle linee guida della fase due.

Anche qui i locali hanno ridotto il numero di coperti ed eliminato il buffet self service, ma la clientela non manca. In serata i tre locali più grandi della zona sono pieni. I camerieri fanno accomodare gli avventori solo dopo aver misurato la febbre. La maggior parte dei tavoli sono occupati da coppie, ma non mancano quelli con gruppi di amici. Come consentono le ordinanze, quasi nessuno indossa la mascherina mentre sta seduto.

Pasquale Marcone