fbpx

#Ioapro1501 Locali aperti nonostante i divieti: duecento multe a titolari e clienti

“#Ioapro1501” | Protesta dei ristoratori a Milano, in arrivo oltre duecento multe 

 

Come riposta il sito di notizie Ansa, sono circa 200 le persone, tra ristoratori e avventori, identificate e multate dalla polizia per aver partecipato a Milano all’iniziativa di venerdì sera “#Ioapro1501”, durante la quale alcuni locali hanno effettuato il servizio al tavolo violando le normative anti Covid-19.
Gli agenti di diversi commissariati milanesi hanno controllato 20 esercizi pubblici aderenti all’apertura di protesta nei quartieri Centro, Sempione, Garibaldi Venezia, Monforte Vittoria e Porta Genova.

In tutti i casi i ristoratori servivano cibo e bevande in piena violazione. Alcuni di loro sono stati sorpresi in attività anche durante i controlli di sabato e domenica. Per una decina di questi, oltre alla sanzione amministrativa, si sta valutando la segnalazione in Prefettura per l’eventuale sanzione accessoria della chiusura provvisoria dell’attività (incluso asporto e delivery).
In caso di violazione reiterata, infatti, oltre al raddoppio della multa è prevista la chiusura per un massimo di 30 giorni.

Video: fonte| FANPAGE

 

Milano, cenano e ballano in un ristorante violando le regole: identificate 90 persone

La gente era ingestibile a un certo punto“. A parlare a “Mattino Cinque” è Mery Marchese, la titolare del ristorante messicano di corso Sempione a Milano che lo scorso weekend ha aderito alla protesta #ioapro1501. La cena spettacolo, però, è sfuggita al controllo della proprietaria e nel locale si sono creati diversi assembramenti, le cui immagini filmate e postate in rete sono diventate virali provocando non poche polemiche al riguardo.

I clienti hanno esagerato – spiega Marchese – ciò dimostra che la gente non ce la fa più a stare così dopo un anno“.

La titolare del ristorante che si ritiene responsabile solo dei suoi dipendenti e non dei clienti, garantisce che i ballerini che si sono esibiti nel locale avevano le mascherine e rispettavano le adeguate distanze di sicurezza. Allo stesso tempo, però, Marchese giustifica in qualche modo l’atteggiamento dei clienti che a suo parere “hanno esagerato, ma volevano solo divertirsi“.

Mery che ha ribadito più volte che il suo ristorante è aperto nonostante la zona rossa, si dichiara costretta ad agire in questo modo perché “gli aiuti non arrivano“. “Il governo deve aiutarci – conclude Marchese – altrimenti falliremo tutti“.

io apro ristoranti multati
“#Ioapro1501” | Protesta dei ristoratori a Milano

 

logo cool in milan
Condividi articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie