fbpx

Le polemiche sulla festa al The sanctuary a Milano: senza mascherine e Belen replica alle accuse

La scorsa domenica ha fatto furore il video nei social che ritraeva decine di persone assembrate senza mascherine. Si tratta della festa di inaugurazione nell’ex scalo ferroviario di Lambrate in cui è stato inaugurato il locale “The Sanctuary“.

Un’apertura in piena pandemia Covid che è degenerata in una serata senza regole, con decine di persone assembrate senza dispositivi di protezione.

A testimonianza dell’accaduto diversi video su Facebook e Instagram: la maggior parte di chi li ha postati rivendica la “libertà al divertimento” anche durante questa emergenza sanitaria.

Belen risponde alle accuse

A pranzo, in un’area riservata lontana dalla folla, c’erano anche Belén Rodríguez e il suo compagno Antonino Spinalbese. Le immagini le ha pubblicate proprio la showgirl sul suo profilo Instagram, ma, né lei né il futuro papà di sua figlia hanno partecipato

all’assembramento senza mascherine.

Sono stanca di vedere sempre articoli con il mio nome e sinceramente ormai non mi tocca più di tanto – ha commentato Belén più tardi -. Sono arrivata con il mio compagno, abbiamo pranzato e ce ne siamo andati intorno alle 17. Io non ho mai visto nessun tipo di folla davanti a me anche perché ero in un’area abbastanza riservata lontana dal bar. Probabilmente è successo durante il tardo pomeriggio quando ormai ero tornata a casa“. La showgirl argentina sembra dunque prendere le distanze dalle accuse a lei rivolte e sottolinea di aver partecipato solo al brunch insieme al compagno Antonio Spinalbese, restando lontana dalla folla.

La risposta dei gestori

Quella immortalata nel filmato rimbalzato su Instagram è l’inaugurazione privata dello spazio, un evento che The Sanctuary Milan ha riservato ai propri clienti e contatti. Domenica, invece, si è tenuta l’inaugurazione ufficiale, che è stata celebrata con un brunch“. Così afferma i gestori del locale.

Le scuse di The Sanctuary
Le scuse di The Sanctuary

Sono mortificato, non doveva succedere, è stato un nostro errore ma è accaduto in un attimo di distrazione imperdonabile! Tutto è avvenuto pochi minuti prima della chiusura e appena ho sentito alzare la musica l’ho fatta spegnere immediatamente. È bastato un secondo per far succedere un casino e ora sui social migliaia di persone mi augurano la morte“. Lo racconta Stefano Papa, fondatore del “The Sactuary”. “Non si trattava di una festa ma di un brunch con persone vicine al nostro mondo, quello dello spettacolo: c’erano anche influencer e addetti ai lavori, volevamo solo presentare il locale — continua — avevamo ben sei persone, prese da una agenzia, che controllavano i distanziamenti e il giusto utilizzo della mascherina. Non abbiamo mai fatto feste di sera, il brunch è iniziato alle 11 ed è terminato alle 18 precise, il video “incriminato” è delle 17.58“.

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
Condividi articolo
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: