Lo spot del Comune che ha storto il naso a Milano

Il Comune di Milano ha realizzato una campagna di sensibilizzazione che ha fatto storcere il naso ai cittadini meneghini. Di cosa si tratta?

 

Gentil Mente: la campagna di sensibilizzazione civica del Comune

“Gentil mente” è il nome del nuovo progetto di sensibilizzazione promosso dal Comune di Milano.
La campagna multi-soggetto tocca vari comportamenti adottati dai cittadini milanesi: alcuni da promuovere, altri da eliminare.
La chiave di volta rimane il claim “Gentil mente”, gioco di parole che si riferisce all’educazione civica da adottare, sia all’intelligenza dei cittadini che sanno come comportarsi.

I messaggi veicolati dalla campagna pubblicitaria del Comune di Milano sono svariati:

Si parla infatti di adottare un comportamento rispettoso verso i pedoni quando si viaggia in monopattino, gettare i rifiuti negli appositi cestini. Rispettare ka precedenza dei pedoni quando si viaggia in macchina. Evitare di gettare in strada i mozziconi e via dicendo.

Nonostante queste campagne multi-soggetto siano state realizzate al solo scopo di farsi monito e linea guida per i cittadini Milanesi, alcuni “consigli” non sono stati particolarmente apprezzati, scatenando commenti negativi.

Campagna Comune di Milano
Campagna Comune di Milano

I commenti negativi sulla campagna del Comune

In particolare, due affissioni hanno generato una serie di commenti negativi da parte dei milanesi.

“Non buttare i mozziconi in strada. Gentil mente” e “Raccogli e getta nel cestino gli escrementi del cane, Gentil mente”.

Il motivo per cui questi due messaggi hanno sollevato le critiche del pubblico è dettato da una mancanza di cestini per le vie della città, cosa che obbliga i passanti a tenere in mano i rifiuti ed i mozziconi per lungi tratti di strada o, in extremis, a gettarle per terra.

Campagna Comune di Milano
Campagna Comune di Milano

Di seguito alcuni commenti:

“Magari mettere più posacenere in giro? In Germania c’è un vaso con sabbia ogni 50 metri”

“Gentilmente, Comune, ripristinare un numero minimo di cestini? Quando raccolgo la cacca dei miei cani devo fare chilometri per trovarne uno, e Milano è diventata putrida”

“Mai visto Milano così sporca, non si vedono operatori ecologici, né vigili che controllino”

“Multate chi fuma fuori dagli spazi appositi, avete introdotto la norma un anno fa ma è una barzelletta, non la conosce nessuno”

“Dobbiamo raccogliere la cacca del cane e portarcela a casa? Avete tolto i cestoni dell’Amsa in molte vie della città perché alcuni li usavano come discarica”

“Mi sono stancata di avere le tasche puzzolenti perché non si trovano cestini. In Svizzera ci sono posacenere attaccati a ogni palazzo e ogni palo della luce”

Il panorama è quindi turbolento: la soluzione potrebbe essere una cooperazione tra Comune e cittadini, in modo da poter tenere Milano pulita.

logo cool in milan
Condividi articolo
Condividi articolo
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: