Lombardia in zona arancione rinforzata da oggi: i nuovi divieti

La Lombardia da oggi passa in zona arancione rafforzato:
regole e divieti

Dalla mezzanotte di oggi, venerdì 5 marzo, e fino a domenica 14 marzo, la regione Lombardia passa in zona arancione rafforzato.

Dopo l’istituzione della fascia rinforzata per alcuni comuni e province, giovedì il governatore Attilio Fontana ha stabilito l’estensione a tutto il territorio regionale di divieti e restrizioni più severe per cercare di contenere l’emergenza coronavirus.

La misura si è resa necessaria per l’aggravamento della situazione epidemiologica, con i contagi che hanno ricominciato a salire a causa delle varianti, soprattutto quella inglese, che è già diventata predominante.

Nell’ordinanza si spiega come sono arrivati a prendere questo provvedimento:
“la situazione epidemiologica presenta le condizioni di un rapido peggioramento con un’incidenza in crescita,
in tutti i territori della Lombardia, anche in relazione alle classi di età più giovani”.

Attilio Fontana
Attilio Fontana, presidente della Lombardia

Cosa cambia tra zona arancione e zona arancione rafforzata?

Le nuove regole più restrittive riguardano la scuola: tutte le classi, tranne nidi e micronidi, tornano a svolgere le lezioni con la modalità della didattica a distanza.

Un’altra differenza riguarda le seconde case: infatti, in zona arancione rafforzato c’è il divieto di raggiungerle.

Visite ad amici e parenti

Svanisce la possibilità di fare visita ad amici e parenti, concessa una volta al giorno in zona arancione “classico”.

Il punto 7 dell’ordinanza, infatti, recita: “Non sono consentiti gli spostamenti verso le abitazioni private abitate ubicate nel territorio della Regione, fatti salvi gli spostamenti motivati da comprovate e gravi situazioni di necessità”.

E per limitare al massimo la concentrazione di persone, solo un componente per nucleo familiare potrà recarsi ai servizi commerciali, fatta eccezione per la necessità di recare con sé minori, disabili o anziani”.

In arancione rafforzato “non è consentito l’utilizzo delle aree attrezzate per gioco e sport all’interno di parchi, ville e giardini pubblici, fatta salva la possibilità di fruizione da parte di soggetti con disabilità”,
ed “è fatto obbligo di indossare mascherine chirurgiche o presidi analoghi di protezione delle vie respiratorie sui mezzi di trasporto pubblici circolanti nel territorio della Regione Lombardia”.

Coprifuoco e spostamenti nel comune

Il resto dei divieti e delle restrizioni rimane inalterato: non si possono varcare i confini comunali,
fatta eccezione per i comuni sotto i 5mila abitanti;
bar e ristoranti possono effettuare solo asporto fino alle 22 e servizio a domicilio senza limiti di orari.

Musei e luoghi della cultura sono chiusi.
Mentre, i negozi rimangono sempre aperti e i centri commerciali chiusi nei weekend, nei festivi e prefestivi.

Resta valido il coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino ed è vietato uscire dalla regione.
Sarà sempre possibile uscire dal comune o in orario di coprifuoco per gli motivi di salute, necessità e lavoro presentando l’autocertificazione.

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: