fbpx

Lombardia in zona bianca un’altra settimana, manca ancora l’ufficialità

Manca solo l’ufficialità, la Lombardia resterà in zona bianca un’altra settimana

E lo fa anche grazie al recente aumento dei posti letto per il ricovero in area medica (+1.300 posti per un totale di 7.945). “I dati settimanali che domani la cabina di monitoraggio di Iss e Ministero della Salute valuteranno, confermano la Lombardia in zona bianca anche per la prossima settimana” ha annunciato il governatore Attilio Fontana.
“L’indice Rt ospedaliero – aggiunge – continua a scendere e passa da 1,19 dei sette giorni precedenti a 1,03.
Ancora sotto le soglie di allerta le percentuali di occupazione dei posti letto (registrate martedì scorso da Iss) in terapia intensiva, 8%, e area medica, 12%.

Calo degli ingressi in terapia intensiva grazie alla terza dose

Oggi registriamo anche il primo calo del tasso di incidenza su 100 mila abitanti a 7 giorni, che passa da 182 registrato ieri, a 170, e a zero ingressi in terapia intensiva. Dati quindi incoraggianti che portano a confermare che la somministrazione delle terze dosi sta rallentando la crescita dei ricoveri e confermare la Lombardia in zona bianca. Ringrazio ancora i lombardi – conclude Fontana – e tutto il personale sanitario che si sta prodigando in questa straordinaria campagna vaccinale decisiva per contrastare il virus. Avanti così!”
La Lombardia resta in zona bianca - La Provincia

La situazione negli ospedali italiani

«Con il trend attuale di crescita dei nuovi casi, anche se l’impatto sugli ospedali è ‘ammortizzato’ dai vaccini, nelle prossime 4 settimane diverse Regioni cambieranno colore», sottolinea il presidente Gimbe Nino  Cartabellotta. La Lombardia resterà in zona bianca ancora una settimana.

I ricoverati con sintomi 6.078 rispetto a 5.227 e i pazienti in terapia intensiva 776 rispetto a 683. Ad aumentare sono stati anche i decessi, pari a 558 negli ultimi 7 giorni (di cui 17 riferiti a periodi precedenti), con una media di 80 al giorno rispetto ai 71 della settimana precedente. «Sul fronte ospedaliero – afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari della Fondazione Gimbe – si rileva un ulteriore incremento dei posti letto occupati da pazienti Covid: rispetto alla settimana precedente +16,3% in area medica e +13,6% in terapia intensiva».

Nonostante l’aumento della pressione sugli ospedali, nelle ultime settimane si è leggermente ridotta, rispetto al totale degli attualmente positivi, la percentuale dei pazienti ricoverati in area medica (scesi dal 3,47% del 7 novembre al 2,50% del 6 dicembre) e in terapia intensiva (dallo 0,47% del 21 ottobre allo 0,33% del 6 dicembre).

 

logo cool in milan
Condividi articolo
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: