In un «mix vincente tra fisico e digitale», la Milano Fashion Week è pronta a ripartire con una nuova edizione.

Lo ha sottolineato oggi in una conferenza stampa virtuale Carlo Capasa, Presidente della Camera Nazionale del Moda italiana, che ha presentato il calendario delle sfilate e degli eventi che, dal 22 al 28 settembre, animeranno il capoluogo meneghino. «Siamo la città della moda» ha sottolineato Capasa «rappresentiamo la seconda industria del Paese. Quest’anno abbiamo avuto molti cambiamenti a causa della pandemia da Covid-19, ma è anche l’anno in cui i big brand hanno risposto all’industria aiutando tutto il settore».

La Milano Fashion Week di settembre 2020 sarà la prima vera edizione phygital della manifestazione. Infatti, se a causa del Covid-19 a luglio i contenuti digitali avevano avuto il sopravvento su quelli IRL – con i soli etro e Dolce & Gabbana a sfilare con modelli e pubblico dal vivo – il nuovo calendario provvisorio diffuso dalla Camera Nazionale della Moda Italiana prevede ben 23 sfilate fisiche in alternanza con 41 show online. Inoltre 61 presentazioni e 22 eventi per un totale di 159 appuntamenti in calendario.

Dal 22 al 28 settembre 2020, la Milano Fashion Week, ospiterà cinque giorni di sfilate dal vivo nelle giornate centrali della manifestazione, in un’edizione dedicata alle nuove collezioni Donna Primavera Estate 2021 e, per la prima volta, anche alle collezioni maschili generalmente in passerella a gennaio e a giugno. 19 delle sfilate in calendario saranno co-ed, 4 show solamente dedicati alla moda uomo.

E ancora Giorgio Armani presente con una sfilata a porte chiuse, nel suo head quarter in via Bergognone, e trasmessa in diretta su La7 sabato sera alle 21.

Da Prada il debutto di Raf Simons alla co-direzione creativa a fianco di Miuccia Prada sarà digitale, mentre sfileranno fisicamente Fendi, Dolce&Gabbana, Etro, Versace, Salvatore Ferragamo.

La piattaforma di camera moda già utilizzata per le sfilate maschili sarà utilizzata anche per le sfilate digitali della Milano Fashion Week e sarà raggiungibile in tutto il mondo, compreso il Giappone, la Cina continentale (grazie alla partnership con Tencel) e gli Stati Uniti (tramite il sito del New York Times). Facebook, Instagram e YouTube i social network principali coinvolti. Ma la MFW sarà altresì vivibile dai cittadini di Milano, grazie ad alcuni schermi posizionati ad hoc nel centro della città. Insieme alla Milano Fashion Week tornano anche i progetti speciali: si parte il 22 settembre con l’inaugurazione ufficiale della Milano Fashion Week promossa da Camera Moda all’interno di Rinascente. L’evento, supportato da Milano Trade Agency, vedrà coinvolte anche le vetrine del department store, che ospiteranno le creazioni dei brand supportati da Cnmi.

scarica pdf_milano faschion wwek

 

Alessandro Di Tommaso