Guide

Ristoranti

Eventi

SERVIZI

Musei: novità alla Pinacoteca di Brera, che torna a piena capienza
Martina
20 Aprile 2022

Con la fine dello stato d’emergenza, la Pinacoteca di Brera torna a capienza piena, ma le novità non finiscono qui: si presenta al pubblico con alcune new entry, ma anche conferme, la più importante delle quali è che la prenotazione rimane obbligatoria per visitare il museo.

Ritornano elementi di normalità: gli sgabelli e le panche da disegno; si allunga l’orario di apertura dalle 8:30 alle 19:20.
Inoltre, sarà possibile usufruire dell’ingresso gratuito ogni prima domenica del mese, e verranno inserite una serie di nuove didascalie.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pinacoteca di Brera (@pinacotecabrera)

Le nuove didascalie

Prima della pandemia, la Pinacoteca aveva inaugurato una serie di didascalie d’autore firmate da scrittori come Tiziano Scarpa e Orhan Pamuk.
Oltre a queste, ci saranno una nuova serie di spiegazioni ed approfondimenti sulle opere.
Le didascalie legate alle tre grandi religioni monoteiste sono state affidate a monsignor Timothy Verdon, i rabbini Chava Koster e Lawrence Weschler, e la scrittrice statunitense musulmana Ausma Zehanat Khan, che hanno analizzato opere di Carpaccio, Vincenzo Foppa, Zenale e Palma il Vecchio.

Le opere di Ambrogio Lorenzetti, Rembrandt e Giorgio Morandi i tre artisti asiatici contemporanei, selezionati dal curatore d’arte Maurizio Bortolotti, sono state raccontate dal malesiano Chan Kok Hoii, il pittore indiano Bose Krishnamachari e il cinese Yang Fudong.

A questi si aggiunge lo scrittore nigeriano americano Teju Cole, il quale ha curato la didascalia di ‘Natura morta con strumenti musicali’ di Evaristo Baschenis.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Pinacoteca di Brera (@pinacotecabrera)

Il mattino del 28 aprile, il 12 e 26 maggio, si potranno vedere in anteprima i bassorilievi di due dei quadri simbolo di Brera: La cena in Emmaus di Caravaggio e Il bacio di Francesco Hayez, realizzati da Francesco Petrella per essere sistemati accanto alle opere originali, in modo che funzionino come didascalie tattili per ipo e non vedenti.

Altra aggiunta: il QRcode per ascoltare l’audiodescrizione delle opere.
Per un’esperienza sempre più inclusiva.

Le guide cool più recenti

LA PICCOLA PARIGI DI MILANO: TRA STORIA E CURIOSITÀ

LA PICCOLA PARIGI DI MILANO: TRA STORIA E CURIOSITÀ

Parigi, "la Ville Lumière", quanti di voi sognano di andarci? Quanti, invece, ci sono già stati e sperano di tornarci presto? Per chi tra di voi ha il desiderio di respirare l'aria di ruralità che si trova nelle strade di tipo Parigino ma non ha modo di andarci,...

Milano tra le righe delle canzoni più belle di sempre

Milano tra le righe delle canzoni più belle di sempre

Conoscete le canzoni su Milano? Non sei un vero milanese se non conosci tutte le canzoni su Milano che hanno fatto la storia. Dalle romantiche fughe a quelle più avventurose, fino alle notti davanti al Duomo, ogni canzone racchiude dentro di sè un ricordo speciale....