fbpx
milano covid notizie

NUOVO DPCM: restrizioni dal 7 al 15 gennaio e la nuova “zona bianca”.

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Al termine di una lunga giornata scandita da riunioni politiche e tecniche il governo decide di varare nuove misure per contenere i contagi da Covid-19. Infatti, allo scoccare della mezzanotte dell’Epifania scadrà il Decreto Natale e servirà un provvedimento-ponte, un’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza, per la fascia temporale che inizia il 7 e termina il 15 gennaio.

LA PROPOSTA

Roberto Speranza sostiene: “La terza ondata arriverà e bisogna organizzarsi”. La curva epidemiologica in salita e l’Rt che in alcune regioni continua a crescere, convincono anche che sia opportuno modificare subito i parametri per la definizione delle fasce gialle, arancioni e rosse. Scopriamole insieme:

  • Zona gialla: negozi aperti; bar e ristoranti aperti fino alle 18; consentiti gli spostamenti; coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.
  • Zona arancione: negozi aperti; bar e ristoranti chiusi tranne che per il delivery e asporto tra le 5 del mattino e le 22; libertà di movimento solo all’interno del proprio comune, salvo deroghe; coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.
  • Zona rossa: negozi, ristoranti e bar chiusi; aperti solo negozi di genere alimentare e di prima necessità; possibilità per ristoranti di delivery e asporto tra le 5 del mattino e le 22; divieto di uscire salvo che per motivi di lavoro, salute e necessità; una sola visita consentita al giorno ad amici e parenti (massimo due ospiti); coprifuoco dalle 22 alle 5 del mattino.

LA ZONA BIANCA

La zona bianca è la più desiderata ed è stato il ministro Dario Franceschini a proporre questo cambiamento “per dare una nuova speranza ai cittadini”. La zona bianca entrerebbe in vigore dal 15 gennaio nelle fasce meno rischiose, e comporterebbe la riapertura di luoghi della cultura come musei, teatri, sale da concerto e cinema. I bar e i ristoranti lavorerebbero senza limiti di orario e anche piscine e palestre tornerebbero a funzionare a pieno ritmo. Sempre però mantenendo le regole base di contenimento, come mascherina obbligatoria, distanziamento e divieto di assembramento.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
condividi
Condividi su linkedin
condividi
logo cool in milan
Scarica l' App

CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan

LEGGI ANCHE: