Milano e Cortina sono le candidate ufficiali ad ospitare le Olimpiadi invernali 2016

Il presidente del Comitato olimpico nazionale italiano (Coni) Giovanni Malagò ieri ha scritto una lettera al numero uno del Comitato olimpico internazionale (Cio) Thomas Bach in cui gli comunica che la scelta dell’Italia è caduta sulle due città del lombardo-veneto «con il sostegno politico del nostro Governo» e aggiunge: «Stiamo presentando un progetto innovativo, secondo le linee dell’Agenda 2020 e le nuove norme, un progetto che includerà non solo Milano e Cortina ma anche la Lombardia e il Veneto, entrambe pronte asostenere l’offerta e fornire le garanzie».

Milano e Cortina dovranno vedersela con tre avversarie: la Svezia con Stoccolma, il Canada con Calgary e la Turchia con Erzurum. Si sono fatti da parte strada facendo il Giappone con Sapporo, gli austriaci con Innsbruck Graz e la Svizzera con Sion.

Appare più debole la candidatura turca di Erzurum rispetto alle altre, mentre Stoccolma è alle prese con un lo stallo politico che potrebbe frenare, e non poco, l’avanzamento della candidatura.

 

Pasquale Marcone