fbpx

Recycling Beauty in Fondazione Prada: valorizzare le opere greco-romane

Recycling Beauty in Fondazione Prada: valorizzare le opere greco-romane

Recycling Beauty in Fondazione Prada

Opere dal Medioevo al Barocco: Recycling Beauty in Fondazione Prada.
Scoprite tutti i dettagli sulla mostra.

La bellezza del riciclo: Recycling Beauty in Fondazione Prada

Avete mai pensato alle opere d’arte greco-romana come pezzi da collezione d’arte vintage?
Dal 17 dicembre 2022 al 27 febbraio 2023, Fondazione Prada vi propone una mostra incentrata sulla bellezza del riciclo o, in questo caso, su una bellezza tutta da riciclare.

A cura di Salvatore Settis, la mostra è dedicata al riuso di opere appartenenti all’antichità greco-romana in contesti post-antichi.
La sfida chiama in causa tutti noi visitatori e consente di porre le premesse per degli spunti di riflessione molto interessanti: l’arte antica si può rivisitare? E se si, quali sensazioni crea in noi stessi?

A tal proposito, chi ha mai detto che un evergreen non possa essere rivisitato in chiave moderna?
Infatti, da sempre, il punto di forza di queste opere è quello di permettere l’applicazione di diversi punti di vista e di interpretazione, dai più personali ai più creativi.

Come afferma lo stesso Settis:

“Entrando nella mostra ci si accorge che non c’è un incipit ma è una collezione di storie, di oggetti, ciascuno qualcosa da raccontare”

Recycling Beauty in Fondazione Prada
Recycling Beauty in Fondazione Prada

All’interno della mostra sarete catapultati nel pieno del contesto greco-romano.
Fondamentale sarà focalizzare l’attenzione sul momento in cui l’anima dell’antica opera lascia la sua condizione iniziale di rovina.
Questo le permette di riattivarsi, acquistando una nuova luce: come una fenice che rinasce dalle sue ceneri.

Infatti, le opere acquistano nuovo senso e valore, tutto grazie alla tecnica del riuso.
Vedere per credere!

Recycling Beauty in Fondazione Prada
Recycling Beauty in Fondazione Prada

Ritorno al passato: un viaggio a ritroso nel tempo

Utilizzando un approccio sperimentale, questo progetto espositivo, concepito da Rem Koolhaas/OMA insieme a Giulio Margheri, si viluppa in due edifici della Fondazione: il Podium e la Cistern.

Attraverso un percorso di analisi storica, scoperta e immaginazione, Recycling Beauty esalta il passato come un fenomeno instabile e in costante evoluzione, ricordandoci che antichità, modernità e futuro trovano sempre un’escamotage per convivere nel presente.

La mostra ospita oltre cinquanta opere d’arte, provenienti da collezioni pubbliche e musei italiani e internazionali come il Musée du Louvre di Parigi, il Kunsthistorisches Museum di Vienna e il Ny Carlsberg Glyptotek di Copenhagen.

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
CoolinMilan
Iscriviti alla nostra Newsletter
Scarica l' App

VEDI ANCHE: