Sardegna in zona bianca: per Solinas non è un “libera tutti”

Da oggi lunedì 1 marzo la Sardegna diventa la prima regione bianca in Italia, con la firma dell’ordinanza del presidente Solinas. Mentre nell’isola sembra che piano piano si vada verso una normalità, nel resto d’Italia il mese di marzo si preannuncia difficile. Contagi in aumento, scuole chiuse e passaggio in arancione per diverse regioni.

Ristoranti aperti fino alle 23 e coprifuoco alle 23.30

Ristoranti aperti fino alle 23, bar e pub fino alle 21 e coprifuoco che slitta dalle 22 alle 23.30 fino alle 5 del mattino. Sono le misure principali in vigore da oggi fino al 15 marzo in Sardegna (escluse le zone interdette con ordinanze dei sindaci), prima Regione d’Italia passata in zona bianca, e previste nell’ordinanza adottata in tarda serata dal governatore Christian Solinas. Nessuna limitazione, dunque, del coprifuoco al solo stazionamento presso piazze, lungomare e belvedere come annunciato poche ore fa dallo stesso presidente della Regione, ma solo un’ora e mezzo di libera circolazione in più.

Christian Solinas
Christian Solinas

Il governatore Stefano Bonaccino al programma “Non è la d’Urso” parla di marzo come un mese difficile :” Sarà un marzo molto difficile. La terza ondata che ha già colpito la Germania, l’Inghilterra, la Francia sta colpendo una parte dell’Italia, fra cui l’Emilia Romagna”.

Aggiunge inoltre: “Io ho il dovere di prendere decisioni. Siamo qui per ascoltare, per discutere con tutti. Ma la politica, in primo luogo, ha il dovere di decidere. E quindi saremo pronti ad ogni restrizione per tutelare le persone e far riabbassare la curva che sta risalendo in maniera molto pesante e poi per avere primavera e estate che possano andare in maniera migliore”.

La rinascita della Sardegna

Da oggi in Sardegna si potrà circolare ovunque liberamente e senza limiti di orario. Non solo più asporto, delivery e take away: i ristoranti rimarranno aperti fino alle 23.

Rinascono anche i bar aperti fino alle 21: basta con l’ aperitivo anticipato all’ora del the. Ma non è un “liberi tutti”, avverte il governatore memore del “prezzo pesantissimo, pagato l’estate scorsa” quando “ci è stato riportato il virus sull’isola: ecco perchè il vero tema adesso saranno i controlli da un lato e il senso civico delle persone dall’altro”.

 

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie