Walter Ricciardi: “Troppo presto per riaprire, fase due solo quando nuovi casi saranno meno di cinque

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

“È assolutamente troppo presto per iniziare la fase due, i numeri, soprattutto in alcune Regioni, sono ancora pieni di una fase uno che deve ancora finire”, a ribadirlo è Walter Ricciardi, rappresentante dell’Italia nel comitato esecutivo dell’Organizzazione Mondiale della Sanità(Oms) e consulente del ministro della Salute. Dare il via libera troppo presto allentando le misure di sicurezza ci potrebbe esporre a “una seconda ondata, che il passato ci dice che molto spesso è peggiore della prima” ha sottolineato l’esperto a Sky Tg24, aggiungendo: “la fase successiva solo quando conteremo i nuovi casi sulle dita di una mano e non certamente con numeri a quattro cifre”.  Nel frattempo bisogno prepararsi perché per la fase due servono tamponi di massa che coinvolgano anche per le persone paucisintomatiche cioè con sintomi lievi del coronavirus in modo da “isolarli immediatamente”,  ha ribadito Ricciardi.

Condividi:

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su whatsapp

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Scarica l' App

Non perderti le NEWS più Cool in Milan