fbpx

Addio Brera, il sindaco Sala si trasferisce in Porta Venezia a Milano

Il primo cittadino di Milano Beppe Sala abbandona il quartiere Brera e si fa accogliere dal quartiere più inclusivo della città, Porta Venezia.

Dopo l’annuncio di trasloco da parte della coppia più instagrammabile d’Italia, i Ferragnez, è giunto il momento di cambiare dimora anche per il sindaco di Milano.

Casa di Sala in Brera

Brera a Milano rappresenta uno dei quartieri più lussuosi ed eleganti di sempre, noto anche come centro del design ma soprattutto comodo per la sua posizione. Per capire bene dove fosse localizzata, l’appartamento di Beppe Sala in Brera si trovava in via Goito, proprio davanti al liceo classico “Parini”.

Da inizio mandato, il sindaco ha sempre alloggiato (in affitto) in questo quartiere, che in alcune occasioni ha anche ospitato eventi importanti. Da non dimenticare, ad esempio, l’incontro in casa Sala con l’allora premier Matteo Renzi che gli chiese il sostegno al referendum costituzionale. Ma ancora più recente è l’incontro all’interno delle quattro mura con il ministro degli esteri Luigi Di Maio.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Beppe Sala (@beppesala)

La nuova casa in Porta Venezia

Ma perché il sindaco si trasferisce in Porta Venezia? Per questioni di cuore. Infatti, Sala si trasferirà nell’appartamento della sua compagna Chiara Bazoli assieme ai suoi tre figli. Più precisamente, la nuova dimora si colloca tra Porta Venezia e Piazza Risorgimento, una zona dove tranquillità e relax regnano indisturbati.

 

L’annuncio sui social e l’ironia del web

Ad annunciare il trasloco è stato proprio Sala attraverso un post pubblicato sul suo account Instagram. Il post mostra un carosello con due foto: nella prima foto vediamo l’ingresso del palazzo in Brera, mentre nella seconda un montacarichi per portar via mobili e libri.

Non manca anche l’ironia del web, che in modo sarcastico ha commentato chiedendo a Sala se il trasloco è in realtà previsto per la Roma, viste le elezioni anticipate e alcune voci sul primo cittadino di Milano in Parlamento. Voci che però sono state da subito smentite dal sindaco di Milano, che ha garantito la presenza a Palazzo Marino fino al 2026, anno di fine mandato e delle Olimpiadi invernali Milano-Cortina.

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
Condividi articolo
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: