fbpx

Allarme vaiolo delle scimmie. Milano prima città italiana per contagi

A Palazzo Marino cresce la preoccupazione attorno al vaiolo delle scimmie, con Milano prima città italiana per contagi registrati. Ecco la situazione attuale.

 

Vaiolo delle scimmie Milano: cresce l’agitazione a Palazzo Marino

Sta crescendo sotto i nostri nasi la curva dei contagi da vaiolo delle scimmie, che nel corso degli ultimi mesi sta proliferando quasi del tutto indisturbato. Ormai fuori controllo, complice una campagna di informazione assente, il virus sta costituendo motivo di preoccupazione tra le mura di Palazzo Marino di Milano.

In particolare, un membro della giunta comunale rimprovera la mancata presa di posizione dell’amministrazione meneghina. Stiamo parlando di Michele Albiani, che con queste parole rimarca il suo disappunto per gli ignavi colleghi.

“Purtroppo, di questa cosa non se ne parla abbastanza. Nella nostra città si è attivata una rete di ospedali che permette di andare a fare lo screening per il vaiolo ma in Italia, contrariamente a Regno Unito e Stati Uniti, non si è ancora iniziato a vaccinare”

Uno scenario epidemiologico che dovrebbe essere portata all’attenzione di tutti, soprattutto di fronte alle dichiarazioni dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, che ha promosso il vaiolo delle scimmie a “emergenza sanitaria globale”. Oltre 16mila casi in 75 Paesi – è questo il numero dato dal capo dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus, nel corso dell’ultima conferenza stampa – dei quali 200 nella sola Milano, ovvero la più grande fetta dei contagi italiani.

Contagi a cui sembrano essere più suscettibile la popolazione maschile, stando al consigliere illuminato Albiani:

“il 99,5% delle infezioni colpisce gli uomini, con una media di età di 37 anni”

 

I numeri italiani del nuovo virus

Sebbene i casi di vaiolo delle scimmie siano inconsistenti rispetto alle vette raggiunte dal Covid-19, è opportuno considerare la breve vita della nuova infezione e monitorare costantemente i dati epidemiologici.
Ricordiamo che i casi registrati in Italia, finora, hanno varcato la soglia dei 400 casi.

Speriamo che venga attivata la vaccinazione di massa contro il vaiolo prima che la situazione degeneri.                   

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
Condividi articolo
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: