fbpx

Bagni no gender a Milano: basta discriminazioni

Bagni no gender a Milano: basta discriminazioni

bagni no gender milano

Bagni no gender Milano: mentre gli studenti festeggiano, le autorità avanzano critiche.
Scopri cos’è successo in un liceo milanese.

Bagni no gender e inclusività

Protagonista di questa vicenda è il Liceo Artistico di Brera, situato in Via Camillo Hajech 27 a Milano.

In questi giorni, i liceali dell’istituto hanno festeggiato l’arrivo di una particolare targa sulla porta dei bagni della scuola.
L’insegna in questione ritrae un unicorno, simbolo semplice ma molto più significativo di quanto si pensi.

Infatti, esso è portatore di un cambiamento rivoluzionario che segna la scomparsa della tradizionale distinzione tra maschi e femmine all’ingresso della toilette, lasciando il posto alla neutralità di genere che rispetta l’identità di ciascun individuo.

Bagni gender free: critiche dalle autorità

L’unicorno, simbolo della comunità Lgbtq+, da quando è comparso nei bagni del liceo, ha portato con sé pareri contrastanti e molte critiche.

Mentre i ragazzi e le ragazze a Brera celebrano questo cambiamento come un leggero barlume di speranza durante un periodo duro, gli esponenti del Miur non si trovano d’accordo con questa scelta, affermando che ci si è spinti troppo avanti.

I docenti dell’istituto, però, hanno commentato così i motivi della loro decisione:

“Abbiamo preso atto della realtà che c’è in questa scuola. Qui di ragazzi in transizione sessuale ce ne sono tanti”

Dunque, quella che per molti sembra una scelta azzardata e senza senso, per i docenti e gli studenti del liceo artistico Brera è un ulteriore passo in avanti volto a semplificare la vita di molti adolescenti.

Non è, però, l’unico cambiamento adottato dal liceo verso la direzione dell’inclusività; infatti, da qualche tempo, sul registro elettronico è stata aggiunta la possibilità di scegliere quale nome usare.

Il docente Gianfranco Tigaro spiega:

“Se uno studente è alias non compare con il suo nome anagrafico attribuito dal suo sesso biologico e questo non lo costringe a spiegare ogni volta al professore di turno la sua transizione”

Voi cosa ne pensate dei bagni no gender Milano?

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
CoolinMilan
Iscriviti alla nostra Newsletter
Scarica l' App

VEDI ANCHE: