Contenuti Instagram a pagamento: via al test

Instagram sperimenta una nuova modalità per monetizzazione sul social network: i contenuti a pagamento.
L’app di proprietà di Meta ha introdotto la possibilità di abbonarsi a pagamento per usufruire di contenuti esclusivi dei content creator.
Attualmente, il servizio è in fase di test negli Stati Uniti. Gli abbonati potranno visualizzare comunicazioni, video live e Stories non aperte a tutti gli utenti.

In più, gli abbonati sono riconoscibili attraverso un badge che distingue i loro messaggi in direct ed i commenti dagli altri. Ovviamente chi condividerà i contenuti esclusivi con altri, infrangendo così la policy di Instagram, saranno puniti con la revoca dei privilegi dettati dalla membership.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Don Allen Stevenson III (@donalleniii)

A chi ci si può abbonare?

Per il momento è possibile abbonarsi ad appena dieci content creator degli Stati Uniti:
l’attore Alan Chikin Chow, la giocatrice di basketball Sedona Prince, l’astrologa Aliza like Ibiza, l’attrice Kelsey Cook, l’atleta Jordan Chiles, il modello Jack Jerry, l’artista Bunny Michael, i digital creator Don Allen Stevenson III, Lonnie IIV e Elliott Norris.
I creator coinvolti hanno un range di follower piuttosto ampio, dai 62mila ai 571mila utenti.
Il progetto, dunque, sembra non interessare solo i mega-influencer da milioni di follower!

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Sedona Prince (@sedona._)

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da bunnymichael (@bunnymichael)

Quanto costa?

A stabilire il costo degli abbonamenti sono i creator stessi: da 1 fino a 100 dollari al mese.
Instagram, al momento, non prende una percentuale su questi abbonamenti.

Lo scopo

La mossa è coerente con la strategia messa in atto da Meta: supportare il più possibile i creator.
Lo scorso anno il colosso di Zuckerberg ha promesso di far fruttare un miliardo nel 2022.
Gli abbonamenti per i fan sono già attivi su Facebook e gli Affiliate Shops hanno di fatto trasformato gli account dei creator in veri e propri store online.

Zuckerberg ha comunicato via Facebook:

“Sono entusiasta di continuare a costruire strumenti per i creator che si guadagnano da vivere facendo un lavoro creativo e di mettere presto questi strumenti nelle mani di più creativi”.

Gli altri social network

Clubhouse ha rivelato che sta pensando ad un modello di abbonamento similare, mentre Twitter sta già testando i superfollow:

“La funzionalità di superfollow consente ai follower più attivi di aiutare i creator a guadagnare denaro per i contributi pubblicati da quest’ultimi su Twitter.

Quando un creator offre un abbonamento di superfollow, i suoi superfollower possono vedere i Tweet bonus che sono stati creati appositamente per loro.
I superfollower ricevono appositi badge che vengono visualizzati accanto a tutte le loro risposte al creator che superseguono, consentendo loro di distinguersi nella conversazione”.

Questa introduzione degli abbonamenti su Instagram potrebbe cambiare notevolmente le relazioni tra utenti, content creator e aziende.
Oltre al numero di follower e di interazioni, anche la somma degli abbonati potrebbe influenzare la scelta dei brand di investire o meno su un profilo.
Allo stesso tempo, gli influencer sono incentivati a ideare contenuti sempre più allettanti per attrarre sempre più abbonati.

logo cool in milan
Condividi articolo
Scarica l' App
CoolinMilan
Non perderti le NEWS più Cool in Milan
Categorie

VEDI ANCHE: