fbpx

Il cocktail bar più piccolo al mondo? È sui Navigli a Milano

Il cocktail bar più piccolo al mondo? È sui Navigli a Milano

cocktail bar milano

Un locale da quattro metri quadrati? È possibile. Si trova sui Navigli di Milano il cocktail bar più piccolo del mondo, e vanta un’ampia selezione di whisky.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BackDoor43 (@backdoor43_milano)


 

Cocktail Bar Milano: l’angolo di mondo in cui il tempo si è fermato

Ti sorprenderà sapere che a Milano, nascosto da una vecchia porta sui Navigli, si trova il cocktail bar più piccolo al mondo. I quattro coperti distribuiti su quattro metri quadrati di Backdoor 43 gli sono infatti valsi il record mondiale e un posto nella World 50 Best Discovery Chart, la classifica dei migliori locali al mondo.

Oggetti d’epoca – acquistati durante i viaggi dei proprietari -, boiserie (pannelli di legno intarsiati che rivestono le pareti) e bottiglie da collezione esposte su scaffali realizzati su misura (come il resto degli arredi). Un tranquillo angolo di mondo in cui il tempo pare essersi fermato, ubicato in Ripa di Porta Ticinese.

 

Backdoor 43: perché è così piccolo?

Ma com’è nata l’idea del Backdoor 43? E qual è il motivo delle sue dimensioni esigue, una peculiarità che lo rende tanto affascinante? Ce lo spiega Carlo Dall’Asta, socio del Gruppo Farmily.

“Una volta qui c’era la bottega di un pittore che realizzava quadretti sui Navigli. Avevamo bisogno di un magazzino da usare come deposito per il nostro Mag cafè, dove anche lì lo spazio è limitato, così abbiamo comprato il locale di fianco. Poi abbiamo deciso di farlo diventare un cocktail bar autonomo, prima soltanto per l’asporto, poi pensato anche come spazio interno più esclusivo, dove il cliente può concedersi un momento di relax a fine giornata, scegliere la sua musica e farsi fare un drink secondo il suo gusto”.

Privilegi di cui può godere senza la paura di non soddisfare i gusti musicali degli altri ospiti e il timore di rimanere delusi (rispettivamente). Le 200 etichette di whisky custodite nel locale sono lì apposta.

“Inizialmente lo spazio era di 16 metri quadrati, poi abbiamo dovuto attenerci alle norme del Comune di Milano – con un bagno che avesse l’accesso anche per i disabili e uno spogliatoio per il bartender – e lo spazio disponibile per il pubblico si è ridotto a 4 metri quadrati”.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da BackDoor43 (@backdoor43_milano)

Nell’eventualità che si rimanga asfissiati dagli spazi minuscoli, c’è sempre l’asporto. I cocktail vengono recapitati al cliente attraverso l’apposita finestrella dal bartender che indossa la maschera di Guy Fawkes, protagonista del film V per Vendetta. Un biglietto da visita sicuramente efficace.

 

Prenotazioni e prezzi

Per ovvie ragioni, è necessario prenotare per trovare posto da Backdoor 43. È possibile farlo attraverso il sito, a questo link.

L’esclusiva location giustifica i prezzi dei drink, che si aggirano intorno ai €14 per quelli serviti all’interno. Mentre quelli da portar via vengono la metà: €7.

logo cool in milan
Approfondisci
Condividi articolo
CoolinMilan
Iscriviti alla nostra Newsletter
Scarica l' App

VEDI ANCHE: